Rosato di Pacina

18,00

Produttore: Pacina
Regione: Toscana
Uve: sangiovese
Gradazione: 12%
Formato: 0,75 l
Descrizione: Salasso dalla vasca di vinificazione del Pacina entro le prime otto ore. Fermentazione spontanea in vasca di cemento e rifermentazione sulle vinacce di trebbiano e malvasia della vendemmia successiva. Affinamento in botti di rovere da 500 litri per 12 mesi. Il Rosato di Pacina è un vino Triple A (Agricoltori, Artigiani, Artisti), agile e versatile. Succoso e di bella personalità, un vino multiforme ma sempre di grande equilibrio tra acidità e un leggero residuo zuccherino. A dir poco beverino.
In due parole: prato fiorito

Questo vino è una Tripla A. Per conoscere meglio cosa siano le Triple A leggi qui.

Esaurito

Avvisami quando un articolo è di nuovo disponibile.

Descrizione

L’abbiamo bevuto!

Il colore si presenta di un rosso tenue ma pulito, con solo qualche leggero e lontano riflesso violaceo.

Al naso sprigiona sentori di frutta rossa dove prevale la ciliegia. Note di frutti di bosco con qualche reminiscenza di lampone.

In bocca il vino ha una grande scorrevolezza agevolata da una spiccata freschezza che nasconde la gradazione alcolica per nulla bassa. Sapidità e un leggero residuo zuccherino si bilanciano perfettamente. Il risultato è una beva disarmante.
Servire a una temperatura di 14°-16°-

Rosato di Pacina: ulteriori dettagli

Il Rosato di Pacina è un vino Triple A che si fa apprezzare subito per la straordinaria beva. Morbido, quasi vellutato, scorrevole in bocca, finisce in un batter d’occhio. Non è un caso che qualcuno abbia definito la sua beva “disarmante ed estremamente pericolosa”. E’ prodotto da uva sangiovese, vitigno della tradizione toscana e del territorio che questo vino bene riesce a interpretare. Nel Chianti Classico la tenuta di Pacina si estende per 60 ettari, di cui 10 vitati. Sangiovese, canaiolo e ciliegiolo sono gli storici e tradizionali vitigni da cui traggono vita alcuni dei vini più famosi di Pacina.

Il vino rosato di Pacina nasce da piccolissima cuvée prodotta solo in determinati anni a partire da una vasca di sangiovese. Ecco in sintesi il procedimento della produzione e il metodo di vinificazione. Il mosto fiore viene separato con l’antica tecnica del salasso. Alla fermentazione alcolica spontanea segue quella malolattica in tini di cemento. Poi il vino affronta l’affinamento in botte scolma per almeno un anno.  Il vino non subisce né filtrazione né chiarificazione ed è ottenuto per fermentazione spontanea da uve biologiche.

Il Rosato di Pacina è prodotto con l’uva di vigne abbastanza giovani, due ettari dai 7 ai 13 anni di età. Il terreno sul quale vengono coltivate è costituito prevalentemente da tufo di Siena, sabbia e argilla.
Oltre al Sangiovese la tenuta di Pacina coltiva Canaiolo, Ciliegiolo, Trebbiano Toscano, Malvasia del Chianti e un piccolo appezzamento di Syrah. L’età delle vigne arriva fino a 50 anni, ma vi è qualche pianta assai più vecchia. Oltre alle viti ci sono 8 ettari di oliveti dai quali nasce l’olio di Pacina. Altri 15 ettari sono coltivati a leguminose. Le stalle, il forno a legna e l’aia, sono gli spazi comuni fruibili dagli ospiti della Pacinina, l’agriturismo che completa, come fosse un secondo cuore pulsante, la tenuta di Pacina.

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Produttori

Pacina

Regioni

Toscana

Vini

Rosati

Menu