Poggi Alti (Liguria di Levante IGT) – Santa Caterina

22,50

Produttore: Santa Caterina
Regione: Liguria
Uve: Vermentino
Gradazione: 14%
Formato: 0,75 l
Descrizione: il Vermentino è l’uva di elezione del territorio lunigiano. Il vino che si ottiene è in genere morbido, delicato, salino. Se la pianta è assecondata nella sua crescita in modo naturale, il vino esprimerà una ricca mineralità e una ricchezza di profumi fermentativi. La condizione perché esprima questa ricchezza, oltre alla decisiva vicinanza al mare, è che la raccolta avvenga in piena maturazione, quando l’uva diventa croccante e assume una colorazione dorata.
Le uve giunte in cantina vengono diraspate e quindi per caduta vanno in tini di acciaio aperti dove inizia spontaneamente la fermentazione. Come in ogni fermentazione in presenza di bucce, il momento della svinatura viene deciso in base alle caratteristiche dell’annata e comunque in genere dura da sei a dieci giorni. Il vino matura poi in parte in acciaio in parte in grès, per giungere all’imbottigliamento
In due parole: 
funambolo nella brezza

Disponibile

Descrizione

Due Parole in più su Poggi Alti Santa Caterina

Il vino Poggi Alti di Santa Caterina è un vermentino Liguria di Levante IGT prodotto da Andrea Kihlgren secondo i principi dell’agricoltura biodinamica. Siamo di fronte a un elegante ed onesto vino bianco macerato. fermentazione spontanea di circa 8-10 giorni e macerazione sulle bucce per una quindicina di giorni in tutto danno complessità e carattere a questo vino. Il Vermentino è uno dei vitigni preferiti da Andrea Kihlgren e il preponderante di quelli coltivati nei 7,5 ettari della tenuta. La vigna si estende lungo i pendii di Sarzana, in provincia di La Spezia. Qui Andrea Kihlgren negli anni Ottanta ha iniziato la sua attività vitivinicola divenendo uno dei vignaioli “naturali” più apprezzati della Lunigiana.
La filosofia produttiva di Santa Caterina, come detto, sposa in pieno i dettami della biodinamica. Per trattare e coltivare i suoli utilizza, per esempio, semine e sovesci. Il sovescio, in particolare, è una pratica la cui utilità è universalmente riconosciuta. Spesso anche produttori più convenzionali e non per forza avvezzi alla coltivazione biologica utilizzano la pratica del sovescio. Composti vegetali, il cornoletame e altre sostanze organiche vengono utilizzate per nutrire il terreno. Semina e raccolta seguono il calendario biodinamico in cui le fasi lunari sono fondamentali. Per garantire la salute delle piante e dell’uva gli unici trattamenti fitosanitari utilizzati sono rame e zolfo, impiegati in bassissime quantità. In cantina sono banditi prodotti e additivi chimici e anche qui la natura è la principale protagonista. Le fermentazioni sono spontanee, con lieviti indigeni.
Oltre al Vermentino la tenuta Santa Caterina si distingue per la coltivazione di vecchie varietà di uve come la Merla (un tipo di Canaiolo acclimatato in queste zone) e l’Albarola. Vi è inoltre i Ciliegiolo che Andrea Kihlgren vinifica insieme alla Merla per dare vita a uno strepitoso Rosato.

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Produttori

Santa Caterina

Regioni

Liguria

Vini

Bianchi

Menu